Quante volte avete sentito parlare male dei preti? Ah quello impone quella cosa, quell’altro vieta la ripresa in quel momento…

Ho una lunga esperienza lavorativa nelle Chiese, dopo quasi 10 anni di lavoro sul campo non ho mai avuto una discussione con loro.

Ogni Parrocchia, ogni parroco, ogni Diocesi, hanno un proprio regolamento; si pensi ad esempio cosa accadrebbe se in un turno di 20 bambini di prima comunione ognuno si chiamasse il proprio fotografo, una processione di fotografi sull’altare…

E così è per i Matrimoni, ci sono momenti della messa che vanno rispettati…

Molti miei colleghi pensano di essere i “comandanti” della Chiesa, cosa assolutamente errata… E’ vero, i Sacerdoti sono degli esseri umani e può anche capitare quello meno educato, ma fidatevi, quasi nessuno ha interesse a non farci svolgere il proprio lavoro, basta solo rispetto reciproco!

Per prima cosa tengono molto alla puntualità, fare arrivare la sposa puntuale in Chiesa è un punto a nostro vantaggio… Quindi è buona abitudine calcolare tutti gli orari compresi piccoli imprevisti.

Quando entro in una Chiesa che non conosco o vedo un Parroco che non conosco, mi presento e dico cosa potrebbe dare fastidio del mio lavoro durante la celebrazione e se ci sono dei momenti in cui devo fermarmi e ascoltare semplicemente la messa. Questo porta ad avere una giusta collaborazione durante la messa.

Sorriso, sempre!

Accogliere un parroco con il sorriso è una presentazione positiva.

In ogni caso, se ci sono dei momenti in cui il parroco dice di non riprendere (qualche giorno fa ho visto un articolo riguardante un parroco che non voleva riprese delle letture dei parenti) è corretto indicarlo agli sposi, se possibile chiedere al parroco di metterlo per iscritto in modo tale da evitare problemi con gli sposi (ovviamente tutto in maniera molto cordiale e civile).

Rispetto per il Parroco ma soprattutto rispetto per la Chiesa.

WhatsApp Contattaci su Whatsapp